AICC Cuneo

Home » 2014 » dicembre

Monthly Archives: dicembre 2014

BILANCIO 2014 AICC CUNEO

INIZIATIVE INTRAPRESE E PROGETTI IN CANTIERE

Cari Amici,

è giusto che a fine 2014, come consuetudine quasi dappertutto, anche la nostra Delegazione faccia una sorta di bilancio dell’anno che sta per chiudersi, riepilogando quanto è stato fatto e contemporaneamente tentando di prevedere quello che si ha intenzione di fare.

E’ stato certamente per noi un anno molto denso di eventi: non sto qui a fare l’elenco di tutte le iniziative realizzate, sotto forma di interventi, conferenze, convegni, ecc … che sono tutte puntualmente segnalate, mese per mese, nel nostro sito (www.culturaclassicacuneo.com).

Mi fa piacere, però, e ritengo giusto evidenziare:

– la fitta rete di collaborazioni che si è realizzata con altre Associazioni culturali: i Comitati di Savona e di Mondovì della Società Dante Alighieri; l’Unidea (Università degli adulti) di Mondovì; il Centro Studi Monregalesi; Apiceuropa (Associazione per l’incontro delle culture in Europa); Uciim (Unione Cattolica Italiana Insegnanti, Dirigenti, Educatori e Formatori); Anfis (Associazione nazionale formatori insegnanti supervisori) e ora anche con la Libera Associazione Montelegale. Altre auspichiamo si aggiungeranno in futuro, perché riteniamo fondamentale attivare sinergie per la creazione di attività culturali sempre più ricche ed articolate da offrire al nostro territorio;

– il consolidamento delle tradizionali collaborazioni coi Dipartimenti di Studi Umanistici delle Università di Torino e di Genova e da quest’anno, grazie all’opera del Prof. Stefano Sicardi, anche col Dipartimento di Giurisprudenza della Facoltà di Torino e il Corso di Scienze del Diritto Italiano ed Europeo di Cuneo;

– la traduzione delle nostre iniziative in pubblicazioni che compaiono su riviste importanti (vd. Nuova Secondaria), oltreché sui giornali locali, e sui volumi pubblicati dall’Ed.Aracne: in relazione a ciò, siamo orgogliosi di ricordare la nascita della “nostra” collana, Mnemata, Studi di letteratura, storia e civiltà tra ricerca e didattica, della quale è uscito in aprile il primo (ci auguriamo di una lunga serie) volume, Figure e autori della lirica;

– l’interessamento alle nostre attività del nostro Presidente Nazionale, Prof. Mario Capasso, che ha benevolmente segnalato su Armarium i nostri due volumi: Figure e autori dell’epica e Figure e autori del romanzo.

Veniamo ora agli intenti per il 2015.

Ricorreranno i cent’anni dall’ingresso in guerra dell’Italia nel primo conflitto mondiale: vorremmo organizzare delle riflessioni culturali in merito, ricercando la collaborazione del maggior numero di organizzazioni interessate a ciò.

A febbraio collaboreremo, come già avvenuto lo scorso anno, parteciperemo alla Stagione Culturale di Palazzo Rosso a Cengio, con un intervento su Guido Gozzano.

Ad aprile (con una coda in autunno), poi, ci sarà il consueto Convegno Monregalese, con validità di corso d’aggiornamento per i docenti, che quest’anno verterà sul Ritorno ad Aristotele: riflessioni sulle odierne riprese del suo pensiero e vedrà il coinvolgimento di docenti di materie scientifiche, perché l’intendimento (che vorremmo anche mantenere in futuro) è quello di contribuire ad abbattere le assurde barriere tra le “due” culture, umanistica e scientifica, e coinvolgere un pubblico sempre più vasto.

La nostra Delegazione sarà anche presente al prossimo Congresso Nazionale dell’AICC (Gaeta, ottobre 2015) nella persona del nostro socio Amedeo Alessandro Raschieri, che terrà una relazione su Memoria e oblio in Quintiliano.

Non mancheranno, ovviamente, altre occasioni per svariati interventi e si potrebbe in futuro prendere in considerazione l’ipotesi di organizzare uscite culturali, magari assistendo a mostre e a rappresentazioni teatrali, liriche, ecc…, se avremo forze e tempo sufficienti, perché non è certo la voglia a mancare, ma…..

Per fare tutto ciò, è indispensabile che la nostra Associazione cresca – ricordo che anche per il 2015 le quote d’iscrizione restano invariate: 40 euro per i soci sostenitori; 25 euro per i soci ordinari e 15 per i soci studenti –, che aumenti il numero dei nostri soci, tra i giovani ma non solo, tra tutti coloro che hanno a cuore la cultura, che ritengono che promuovere attività culturali sia importante per tutti e che comprendano che oggi molto più di ieri ciò diventa di quasi esclusivo appannaggio delle Associazioni culturali, stante l’ormai cronica latitanza delle Istituzioni.

Grazie dell’attenzione e, soprattutto, del contributo che date e che darete affinché si possa fare di più e meglio, cercando di fare in modo che non resti per sempre vera l’affermazione di Nietzsche: di tutto conosciamo il prezzo, di nulla il valore.

CARI AUGURI PER UN SERENO E PROFICUO 2015!

Stefano Casarino

Per rinnovare la propria adesione all’Associazione o procedere a una nuova iscrizione è necessario seguire le istruzioni contenute nell’apposito modulo (cliccare qui).

Annunci

La notte nazionale del Liceo Classico

Segnaliamo l’iniziativa intitolata “La notte nazionale del Liceo Classico”:

SCHEDA ILLUSTRATIVA

Nome dell’evento: La notte nazionale del Liceo Classico

Data: 16 gennaio 2015

Ora: 18:00 – 24:00

Luoghi: tutti i Licei Classici d’Italia

Obiettivo: sensibilizzare l’opinione pubblica circa la vitalità del curricolo classico, mediante la proposizione di eventi, rappresentazioni teatrali, letture animate, concerti, performance di varia natura, mostre fotografiche o artistiche, degustazioni ispirate al mondo antico, conferenze, dibattiti, incontri con autori, presentazioni di volumi, letture di poesie etc., il tutto affidato agli studenti.

Organizzazione: Liceo Classico “Gulli e Pennisi” (Acireale – CT)

Ideatore e promotore: prof. Rocco Schembra (Docente di Latino e Greco; Presidente dell’AICC – delegazione di Acireale). Per info: roccos@hotmail.it

Gruppo facebook dove esprimere la propria adesione

https://www.facebook.com/groups/notteclassico/

Intervento su “La Buona Scuola”

Stefano Casarino ha pubblicato un intervento dal titolo “LA BUONA SCUOLA”: un’occasione per tentare di curare i mali della nostra scuola? sul magazine ScuolaOggi. Leggere qui.

 

Un nuovo libro e una nuova associazione culturale monregalese

foto tomatis

Lunedì 1 dicembre alle ore 18 nella stupenda Sala delle Lauree del Vescovado di Mondovì (via F.Gallo 7), gremita da un foltissimo pubblico, è stato presentato il libro “Via Vasco n.2”, di Elio Tomatis, pubblicato da arabAFenice ed.

Un’iniziativa culturale riuscitissima, condotta con sapiente incisività dal moderatore, Avv. Stefano Tarolli, che ha efficacemente introdotto gli aspetti salienti dell’opera, ed animata dalla vivace illustrazione dell’autore, che ha spiegato la genesi e la struttura del volume, fornendo indispensabili informazioni in merito. A cominciare dal titolo, riferito all’indirizzo di quello che ormai è l’ex-Tribunale di Mondovì, nonché sede dell’Ordine degli Avvocati di Mondovì, anch’esso destinato a sparire e a confluire dal 1 gennaio 2015 in quello di Cuneo: perché, com’è stato dolentemente detto, “comprimendo la giustizia si risparmia”. L’affermazione – mi sia permesso chiosare – funziona perfettamente se al posto del sostantivo “giustizia” si impiega “istruzione” oppure “sanità”: mala, anzi pessuma tempora currunt!

La calda, empatica voce di Olga Bertolino ha poi proposto la lettura della bellissima recensione di Giuliana Bagnasco, che col suo stile inconfondibile ha colto e trasmesso il fascino che tale opera può esercitare anche per chi non si districa quotidianamente nell’oscura selva di leggi, ordinamenti, provvedimenti, ecc…

A suggello della serata l’autentica performance di Ada Prucca e Gian Carlo Bovetti, che quasi in una sorta di café-chantant e benissimo accompagnati da Marco Manfredi alla chitarra e da Alberto Bovetti alla tastiera, hanno deliziato il pubblico, proponendo, recitando e cantando con autentica maestria, brani dell’opera che sono stati argutamente correlati con canzoni e “pezzi” musicali, in una scelta che svariava da De André a Totò.

Sono stati amabilmente raccontati/cantati aneddoti che inducono a riflettere su dove stia veramente la giustizia (la ripetuta boutade dello scafato penalista: “Sono trent’anni che frequento il Palazzo di Giustizia e non ho ancora avuto modo di conoscere la padrona di casa!”) oppure che muovono al riso per un caso di assoluta infondatezza del reato, stante l’acclarata “bruttezza” dell’oggetto di contesa, nella fattispecie una signora per nulla avvenente!

Schegge, ricordi agrodolci di un mondo in cui nel Monregalese funzionavano tante preture e conciliature, quando gli avvocati si spostavano col calesse, parlavano in dialetto coi loro rappresentati analfabeti, ricevevano magari un onorario in mele rosse che … tanto sarebbero state date ai maiali!

Tra le tante affermazioni offerte alla rimeditazione degli astanti, una in particolare voglio riportare: “Il passato non deve essere disperso”.

Come non essere d’accordo e fare di tutto perché ciò non avvenga, sentendoci – tutti noi, nella diversità delle nostre professioni – impegnati a passare una sorta di ideale testimone alle nuove generazioni: testimone fatto delle nostre esperienze, dei nostri racconti, del nostro vissuto.

E’ in fondo questo il forte denominatore che può leggere la nostra Associazione di Cultura Classica alla neonata “Libera Associazione Montelegale” (si noti il bisticcio: Montelegale/Monteregale), promotrice dell’evento e rappresentata per l’occasione sia dal suo Presidente, Avv. E.Tomatis, che dalla sua Segretaria, Avv. Erika Giacchello: un’associazione che si prefigge di diffondere un’adeguata immagine delle professioni – non solo, quindi, di quella forense – , di effettuare su di esse ricerche storiche, di svolgere opera di sensibilizzazione sull’importanza dei servizi pubblici del territorio e di ricercare collaborazione e attuare sinergie con altre Associazioni culturali che condividano questa visione della società e della cultura.

I migliori auguri, quindi, per una feconda attività, con la formulazione del nostro auspicio che si realizzino in futuro occasioni di collaborazione concreta ed articolata tra gli “eredi di Cicerone” e i “cultori delle humanae litterae”.

Stefano Casarino

LOCANDINA PRESENTAZIONE LIBRO AVV. ELIO TOMATIS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: