AICC Cuneo

Home » 2016 » gennaio

Monthly Archives: gennaio 2016

LA “BUONA SCUOLA”… DI ARISTOTELE

Le lezioni del Peripato, un modello per la didattica di oggi

Da troppo tempo quando parliamo di scuola – a tutti i livelli – ci preoccupiamo esclusivamente degli aspetti organizzativi e non affrontiamo mai davvero il problema dei problemi: come fare scuola?

Come trasmettere i contenuti delle diverse discipline?

Non ce ne preoccupiamo seriamente né a livello di riflessione propedeutica all’emanazione di leggi e normative varie né a livello di preparazione dei futuri docenti, tranne qualche tentativo più o meno nobile, avvenuto prima nelle defunte SSIS e praticato forse ancora in qualche TFA.

Le rare volte che qualcuno lo fa, spesso si ha la sensazione – almeno questa è la mia impressione – che si voglia sempre ripartire da zero, senza avere l’indispensabile umiltà di guardarsi indietro, di meditare sulla storia dell’educazione: per questo credo che una riflessione sulla cultura greca in generale – quella che più di tutte è incentrata sul concetto di “paideia” – e sull’insegnamento di Aristotele in particolare possa risultare di notevole utilità.

Più che «maestro di color che sanno» (Dante, Inf, IV,131) Aristotele fu e resta maestro di coloro che vogliono sapere o, meglio, imparare.

Attorno al 335 a.C. Aristotele si trasferì ad Atene e vi fondò il suo Liceo – nome destinato ad avere straordinaria fortuna, in onore di Apollo Liceo – o Peripato, da περίπατος, “passeggiata”.

Così, infatti, faceva lezione: passeggiando e discutendo coi suoi allievi, in giardino e sotto un porticato.

Scuola all’aperto, com’era possibile nel favorevole clima greco.

E lezioni in movimento, niente di statico, nessun posto fisso come ora nelle nostre chiuse aule con cattedra e banchi: arredi davvero anacronistici nel Duemila.

Prima di provvedere alle LIM e a svariati ausili informatici – a proposito: da qualche tempo cominciano a suonare campanelli d’allarme sui danni che la “bulimia informatica” può arrecare all’istruzione (vd. B. Vertecchi, Alfabeto a rischio e M. Spitzer, Demenza digitale) : ci sarà qualcuno che a livello politico/decisionale ci rifletterà sopra? –, bisognerebbe pensare a quanto stanno scomodi docenti ed insegnanti su sedie a volte lillipuziane e in aule squallidissime … certo che prima bisognerebbe avere scuole sicure, ma questo è un altro discorso, meglio tornare ad Aristotele.

Secondo Diogene Laerzio, soltanto quando aumentò considerevolmente il numero dei suoi discepoli, Aristotele fu costretto a stare seduto.

Invece, come perfetto esempio dei tanti travisamenti posteriori del pensiero aristotelico, il filosofo che amava passeggiare viene visto da Dante «sedere tra filosofica famiglia» (Dante, Inf. IV, 132)!

Sappiamo anche come Aristotele strutturava la sua attività didattica: voleva che ciascun alunno per dieci giorni fosse a capo della scuola; maestro e discepoli mangiavano assieme; la mattina le lezioni erano riservate agli studenti, al pomeriggio e alla sera, invece, erano aperte al pubblico e si trasformavano in conferenze.

Da privato precettore di Alessandro a divulgatore della cultura, Aristotele applica alcune strategie didattiche modernissime: la rotazione dei ruoli maestro-alunno; la collaborazione tra studenti, il lavoro di gruppo e la supervisione del docente; la scuola come centro di cultura (di produzione e di trasmissione della cultura) aperto al territorio, nel convincimento che si impara ad ogni età dell’esistenza.

Insomma: peer education, cooperative learning, flipped classroom, LLP (cioè Lifelong Learning Programme, programma di apprendimento permanente): tutto ciò che oggi sembra rivoluzionare la didattica tradizionale – e che dobbiamo sempre, chissà perché, esprimere con degli anglismi! – era già stato applicato, e con ottimi risultati, proprio da colui che la tradizione ha fossilizzato, del tutto ingiustamente, nell’immagine del Maestro “tiranno”, sulle cui parole si doveva addirittura giurare.

Aristotele voleva alunni critici – li vogliamo così anche noi oggi, o preferiamo degli esecutori, certamente più facili da gestire? –, coi quali discutere e condividere ricerche, coinvolgendoli in un costante interscambio di ruoli, rendendo dinamico ed entusiasmante il processo di insegnamento/apprendimento.

Ma poiché, ieri come oggi, non basta l’adozione di metodologie “nuove” se manca la personalità del docente – credibile ed autorevole per i suoi alunni nella misura in cui è egli stesso intellettualmente curioso, appassionato del sapere ed interessato a loro –, è importante anche riflettere sul carattere di Aristotele, come emerge dai «detti bellissimi» riferiti da Diogene Laerzio.

Ne cito solo alcuni:

Era solito dire continuamente sia agli amici sia a coloro che lo frequentavano, in qualsiasi tempo e luogo si trovasse a conversare, che la vista riceve la luce dall’aria che ci circonda, l’anima dalla scienza.[…] Diceva che dell’educazione le radici sono amare, il frutto è dolce.[…] Gli fu domandato quanto differiscano gli uomini colti dagli incolti e la sua risposta fu: «Tanto, quanto i vivi dai morti». […] Gli fu domandato qual vantaggio mai avesse tratto dalla filosofia e rispose così: «Il fare senza che mi sia ordinato ciò che alcuni fanno per paura delle leggi».

La scienza – cioè, la conoscenza – come «luce dell’anima»; la consapevolezza della fatica che comporta all’inizio ogni processo educativo ma, anche e soprattutto, la gioia del “raccolto” che si ottiene alla fine – quanto ciò dovrebbe essere oggi oggetto di riflessione, in questi tempi di “garanzia del successo formativo”, di “niente compiti durante le vacanze”, di “apprendimento senza sforzo”, ecc… –; la cultura come unica, rimarchevole differenza tra il vivo e il morto, tra chi si rende conto di esistere e chi è inerte, passivo; infine, la filosofia come “legge interiore”, come moralità imprescindibile.

Tutti concetti sui quali corriamo il rischio di far scendere l’oblio, confondendo troppo spesso la scuola con tutt’altro, la conoscenza con l’informazione e l’insegnamento con l’addestramento.

Fu una “buona scuola”, quella di Aristotele, almeno nei tempi a lui più vicini, proprio per la curiosità intellettuale che la animava, per i risvolti etici che aveva, per lo stile dei rapporti instaurati tra docente e discenti: tutti elementi essenziali che noi stiamo perdendo, anzi forse già abbiamo perso.

Solo a causa dei travisamenti della Scolastica e della trattatistica cinquecentesca Aristotele da promotore di cultura e magnifico didatta divenne il filosofo dell’ipse dixit!

Oggi, fortunatamente, viviamo in un tempo di piena rivalutazione della sua metodologia di ricerca e del suo insegnamento: così sta avvenendo per la biologia (Armand Marie Leroi esalta Aristotele definendolo addirittura “il filosofo che inventò la scienza”) e per la fisica (Carlo Rovelli apprezza molto la sua “chiarezza concettuale” e la sua “attenzione alla varietà della natura”). Così dovrebbe avvenire anche per la sua didattica: anche qui, ritornare ad Aristotele vorrebbe dire riscoprire la serietà e il piacere di studiare, rivendicando davvero la centralità dello studente e dell’insegnante, i veri “attori” della scuola di oggi e di sempre.

Stefano Casarino

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: