AICC Cuneo

Home » Uncategorized » “EIDOLA” di Stefano Casarino. Presentazione a Savona, Libreria Feltrinelli, 14.02.2017

“EIDOLA” di Stefano Casarino. Presentazione a Savona, Libreria Feltrinelli, 14.02.2017

EIDOLA di STEFANO CASARINO

PRESENTAZIONE A SAVONA, LIBRERIA FELTRINELLI 14.02.2017

La Feltrinelli Point di Savona (v. Astengo 9-11 r.) ha ospitato martedì 14 febbraio alle ore 18 la presentazione di EIDOLA, libro di poesie di Stefano Casarino. Paolo Schiavi, compìto padrone di casa, ha introdotto al folto pubblico l’autore, savonese di nascita ma ormai da molti anni residente a Mondovì, e i relatori che si sono alternati.

3-foto-eidola-sv-14-02

La Prof.ssa Giuliana Bagnasco ha porto i saluti dell’Associazione Culturale “Gli Spigolatori” di Mondovì – di cui è Presidente – che ha curato la pubblicazione della plaquette, ricordando le numerose attività culturali di cui essa è promotrice e il ricco catalogo (più di una quarantina di titoli) di opere realizzate.

Ha preso poi la parola il Prof. Sergio Giuliani: un intervento, il suo, che ha catalizzato l’attenzione dell’uditorio per la passione critica che vi ha infuso.

Tra i primi lettori dell’opera, Giuliani ha messo in risalto la doppia anima, culturale e morale, del libretto: personaggi del mito e della letteratura si presentano, dialogano col lettore, lo inducono a riflettere sul loro significato atemporale di “presenze”, “visioni”, “fantasmi”, “simboli”: tale è infatti il polisemico significato del titolo. Il libro non è stato pensato per un pubblico di addetti ai lavori, anzi è rivolto a lettori curiosi e disponibili ad incontrare figure della cultura greca, latina, ebraica, ma anche contemporanea, in una caleidoscopica carrellata (da Arianna a Selene; da Omero a Marco Aurelio; da Margutte a Faust). La forma poetica di meditazioni liriche privilegia la misura dell’endecasillabo, variamente rispettato e dissimulato: il linguaggio è piano, scevro di erudizione fine a se stessa, calibrato apposta per un lettore di oggi. Ultimo aspetto messo in luce con notevole acume da Giuliani: la componente moralistica, nel senso però di un’attenta comprensione e ripresa della lezione etica degli antichi, nel convincimento che la letteratura non sia solo una fiera delle vanità della parole, ma che anzi le parole siano il vitale humus delle idee e dei valori.

1-foto-eidola-sv-14-02

La Prof.ssa Yvonne Fracassetti con elegante garbo ha presentato il suo approccio diretto di lettrice non edotta della classicità e proprio per questo più fresco e più pronto a cogliere i temi significativi della raccolta: dall’amore, declinato in molte forme, alla riflessione sulla storia degli uomini, più regno del male che del progresso; dal valore salvifico della memoria, oggi purtroppo così negletto, a quello di una saggezza a misura d’uomo, eredità di quell’humanitas il cui spazio viene sempre più ridotto oggi a vantaggio di non si sa bene cosa. La relatrice ha citato con squisita sensibilità alcuni passi poetici, ravvisando in essi l’esemplificazione della sua disanima critica.

2-foto-eidola-sv-14-02

Sono state poi recitate con intensa partecipazione da Pino Negro alcune liriche, in modo da offrire al pubblico un assaggio della trama di rimandi, corrispondenze e legami tra un testo e l’altro.

Le quaranta liriche, infatti, non costituiscono quaranta segmenti isolati ma danno vita a un corpus unitario, che presenta temi che sembrano attualissimi (l’accoglienza, l’esclusione, il fanatismo, il delirio di onnipotenza, ecc…) e coi quali invece da sempre l’umanità ha dovuto misurarsi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: